Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
ambasciata_jakarta

Cittadinanza

 

Cittadinanza

E' possibile ottenere informazioni dettagliate sull'acquisto e sul riconoscimento della cittadinanza italiana consultando il sito istituzionale del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale

CONCESSIONE DELLA CITTADINANZA ITALIANA AI CONIUGI DI CITTADINI ITALIANI
(art.5 legge 05.02.1992, n.91, art .1 della legge 15.7.2009 n.94 e successive modifiche)

Il coniuge di cittadino italiano, se residente all’estero, può presentare istanza per la concessione della cittadinanza italiana dopo tre anni dal matrimonio. Questi termini sono ridotti della metà (ossia, 18 mesi) in presenza di figli nati o adottati dai coniugi.
Ai sensi della vigente normativa, al momento del conferimento della cittadinanza italiana non devono essere intervenuti scioglimento, annullamento o cessazione degli effetti civili del matrimonio e non deve sussistere la separazione personale dei coniugi.
A partire dall’11 febbraio 2017 coloro la cui unione civile con un cittadino italiano è stata registrata in Italia, possono presentare istanza di concessione della cittadinanza italiana per matrimonio ai sensi dell’art. 5 della Legge n. 91/1992.
Dal 1°agosto 2015 la domanda di cittadinanza deve essere presentata ESCLUSIVAMENTE ON-LINE, attraverso la procedura informatica messa a punto dal MINISTERO DELL’INTERNO - Dipartimento per le Libertà civili e l’Immigrazione - Direzione centrale per i Diritti civili, la Cittadinanza e le Minoranze. Potranno presentare domanda di cittadinanza tramite questa Ambasciata soltanto gli stranieri stabilmente e legalmente residenti in Indonesia o Timor Leste e i cui coniugi italiani siano regolarmente iscritti all'A.I.R.E.
Il richiedente dovra’:

NB: si fa presente che il sito è esclusivamente in italiano. Questa Ambasciata non potrà fornire traduzioni né assistenza nella compilazione della domanda.

  • compilare la domanda utilizzando le credenziali d’accesso ricevute

Attenzione: nel modulo di registrazione vanno inseriti COGNOME- NOME- DATA DI NASCITA così come indicati nell’atto di nascita. Le donne devono inserire il cognome da nubile e non da coniugata. Si raccomanda di verificare che i dati anagrafici presenti su tutti i documenti siano concordanti e che vi sia l’esatta indicazione del Comune di nascita. In caso di errato inserimento dei dati anagrafici sarà necessario cancellare la registrazione al portale, dopo aver effettuato l’accesso, utilizzando la funzione del menù “Cancella la registrazione al portale” ed effettuare successivamente una nuova registrazione.

  • trasmettere la domanda (modello AE) in formato elettronico (sul sito del Ministero dell’Interno è disponibile un manuale per l’utente “Sistema inoltro telematico”), allegando i seguenti documenti:

1) ESTRATTO PER RIASSUNTO DELL’ATTO DI MATRIMONIO, rilasciato dal Comune italiano nei cui registri di stato civile sia stato iscritto o trascritto il matrimonio stesso. E’ indispensabile che l'atto di matrimonio sia stato trascritto nei registri di stato civile del Comune italiano;
2) ESTRATTO DELL’ATTO DI NASCITA della persona che richiede la cittadinanza, legalizzato e tradotto in italiano. La validità dell’atto di nascita non ha scadenza.
3) CERTIFICATO PENALE del paese di origine e di ogni altro Paese in cui si è risieduto, prima di trasferirsi in Indonesia o Timor Leste, a partire dai 14 anni di età, legalizzato e tradotto in italiano. Il certificato penale ha una validità di 6 mesi dal momento del rilascio. Il certificato penale indonesiano (Surat Keterangan Kelakuan Baik) viene rilasciato dalla POLRES competente in base al luogo di residenza in Indonesia;
5) RICEVUTA DEL PAGAMENTO DI EURO 200. Questo contributo non può essere pagato in Ambasciata, ma solo in Banca tramite bonifico, con le seguenti coordinate:
- Beneficiary Account Name: “MINISTERO DELL’INTERNO D.L.C.I. – CITTADINANZA”;
- Reason for payment: Citizenship Application - name and surname of the payee;
- International Bank Account Number (IBAN code): IT54D0760103200000000809020;
- Receiving Bank Name: POSTE ITALIANE S.P.A.
- Receiving Bank BIC/SWIFT code: BPPIITRRXXX.
6) COPIA DEL PASSAPORTO DEL RICHIEDENTE;
7) CERTIFICATO DI RESIDENZA/PERMESSO DI SOGGIORNO IN INDONESIA O TIMOR LESTE.

Su tutti i documenti stranieri dovrà essere apposta la legalizzazione ovvero l'apostille e dovranno corredati da traduzione in lingua italiana autenticata. Sia la legalizzazione che l'autenticazione della traduzione vanno effettuate dall'autorità consolare competente in base al luogo in cui i documenti sono stati rilasciati.

Una volta compilata la domanda e inserita TUTTA la documentazione sopra indicata, sarà generato un documento riepilogativo e la ricevuta di invio.
Questa Ambasciata sarà automaticamente informata della presentazione della domanda e procederà alle necessarie verifiche. Il richiedente riceverà quindi una comunicazione relativa all’accettazione, o alla “accettazione con riserva” o al rifiuto della domanda stessa.

Il termine per la definizione del procedimento di acquisto della cittadinanza italiana, secondo quanto previsto dagli articoli 2 e 4 della legge 7 agosto 1990, n.241 (D.P.R. 18 aprile 1994, n.362), è di 730 giorni a partire dalla data di accettazione della domanda.

Il richiedente verrà successivamente convocato dall’Ufficio Consolare di questa Ambasciata per presentare la domanda in formato cartaceo ed i documenti in originale che resteranno depositati agli atti dell’ufficio.
Il giorno della convocazione sarà necessario pagare, nel corrispondente valore in Rupie Indonesiane e solo in contanti, la percezione consolare per l'autentica della firma sulla domanda dell'importo di Euro 14,00 (art. 24). 

Successivamente alla presentazione della documentazione in originale presso questa Ambasciata, la pratica sarà di esclusiva competenza del Ministero dell’Interno. L’interessato potrà verificare personalmente lo stato della pratica inserendo nel sito del Ministero dell’Interno il numero della pratica e le informazioni richieste dal sistema.
Il Decreto di concessione della cittadinanza italiana sarà notificato all’interessato/a mediante lettera raccomandata R.R. Si invitano coloro che dovessero cambiare indirizzo di darne comunicazione al Comune ovvero al Consolato nel territorio del quale si stablisce la nuova residenza.
Entro sei mesi dalla notifica del Decreto di concessione della cittadinanza italiana, l’interessato/a dovrà presentarsi in Consolato per prestare il giuramento di fedeltà alla Repubblica italiana e alle Sue leggi.

DOMANDE DI RICONOSCIMENTO DELLA CITTADINANZA ITALIANA PER DISCENDENZA: PERCEZIONI CONSOLARI
Con la conversione in legge del D.L. 24 aprile 2014, n. 66, è stato introdotto nella Tabella dei diritti consolari, l'art. 7-bis: "Diritti da riscuotere per il trattamento della domanda di riconoscimento della cittadinanza italiana di persona maggiorenne: euro 300,00". Tali diritti andranno riscossi obbligatoriamente, a partire dall’8 luglio 2014, al momento della presentazione della domanda di riconoscimento della cittadinanza italiana da parte di persona maggiorenne. Saranno tenuti al pagamento della percezione tutti i soggetti maggiori di anni 18 che chiedano per sé il riconoscimento della cittadinanza italiana a qualsiasi titolo: in primo luogo iure sanguinis, ma anche nelle altre ipotesi di attribuzione ope legis della cittadinanza (iure matrimonii, in caso di straniera coniugata con italiano prima del 27.04.1983 e ove alla stessa non sia già stato riconosciuto il possesso della cittadinanza tramite, per esempio, il rilascio di passaporto, di carta di identità o iscrizione in AIRE anteriormente al 08/07/2014, ovvero iuris communicatione in caso la domanda sia presentata nella maggiore età del figlio). 

Nei casi in cui, invece, le istanze o dichiarazioni siano finalizzate all'ELEZIONE, ACQUISTO, RIACQUISTO O CONCESSIONE DELLA CITTADINANZA ITALIANA, queste sono soggette al pagamento del contributo di 200,00 euro previsto dall'art. 9 bis della L. 91/1992 e tale importo continuerà ad essere versato direttamente sull’apposito conto del Ministero dell’Interno. Restano esenti da contributi e diritti, invece, tutte le richieste di riconoscimento di cittadinanza – a qualsiasi titolo e comunque conseguita – presentate a nome di minorenni.

Dal 25 maggio 2018 è in vigore il Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati (UE) 2016/679, in applicazione del quale i soggetti che trattano dati personali sono tenuti ad informare preliminarmente gli utenti sui trattamenti previsti, nel rispetto dei principi di liceità, correttezza e trasparenza. Di seguito è possibile consultare i dettagli al riguardo in tema e di cittadinanza.

Informativa sulla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali ai fini del riconoscimento della cittadinanza italiana iure sanguinis o della sua acquisizione per naturalizzazione (artt. 5 e 7, nonché art. 9, comma 1, lettera c, e comma 2 della legge n. 91/1992).




49