This site uses cookies to provide a better experience. Continuing navigation accept the use of cookies by us OK

Referendum abrogativi del 12 giugno 2022 Modalità per il rimborso del 75% dei biglietti di viaggio per esercitare il diritto di voto in Italia

Date:

06/14/2022


Referendum abrogativi del 12 giugno 2022 Modalità per il rimborso del 75% dei biglietti di viaggio per esercitare il diritto di voto in Italia

Di seguito alcuni chiarimenti sulla procedura di richiesta del rimborso del 75% dei biglietti di viaggio per l’esercizio del diritto di voto in Italia in occasione delle consultazioni referendarie del 12 giugno 2022 (v. art. 20 comma 2 della Legge 459 del 2001).

1. I requisiti base per avere diritto al rimborso sono:

a. l’avvenuto e comprovato esercizio del diritto di voto in Italia, tramite esibizione del certificato o tessera elettorale con il timbro del seggio elettorale italiano;

b. la residenza in Indonesia, ossia essere iscritti a questa AIRE.

2. I titoli di viaggio ammessi al rimborso sono esclusivamente quelli di classe turistica (Economy class) per i voli aerei e della seconda classe per i trasporti ferroviari o marittimi (art. 22 del DPR 104 del 2003).

3. Relativamente alla tratta di viaggio ammessa al rimborso, si segnala sin d’ora che sono consentite soste intermedie (scali tecnici), purchè la durata delle stesse non incida sul costo del biglietto.

4. Le istanze di rimborso (scaricabile qui) devono essere inviate per posta o presentate a mano a questa Ambasciata al rientro in Indonesia dell’elettore, oppure presso il Consolato Onorario d’Italia situato in Bali. Esse dovranno contenere i dati anagrafici del richiedente, un recapito telefonico, un indirizzo e-mail e le coordinate bancarie complete al fine di rendere possibile il rimborso tramite bonifico bancario.

Si segnala che i rimborsi avverranno nella valuta locale (IDR – Rupia Indonesiana), per cui si consiglia di fornire un conto corrente in tale valuta onde evitare ricarichi dovuti al cambio bancario, così come si suggerisce di fornire gli estremi del beneficiario esattamente come registrati presso l’istituto bancario (es. prima il nome e poi il cognome oppure viceversa), dal momento che i bonifici che non rispettino tale indicazione sono spesso oggetto di rifiuto da parte dei locali istituti bancari, con conseguenti commissioni da onorare.

5. La documentazione giustificativa della spesa a corredo dell’istanza dell’interessato deve essere costituita da:

A. biglietto aereo esclusivamente di classe Turistica (Economy) con indicazione del relativo costo. Qualora dal biglietto non si deduca l’importo pagato, questo dovrà essere dimostrato da apposita fattura rilasciata dalla Compagnia aerea, debitamente quietanzata; in subordine, sarà necessario allegare un estratto del conto corrente – opportunamente oscurato relativamente ai dati che non rilevano ai fini del rimborso – contenente l’indicazione della somma corrisposta alla compagnia aerea o all’agenzia di viaggi;

B. carte d’imbarco a/r;

C. certificato o tessera elettorale in originale (che verrà restituito) con il timbro del seggio elettorale italiano.

I biglietti ammessi al rimborso devono avere una validità quanto più possibile ravvicinata all’evento elettorale dal quale si origina il diritto al rimborso in questione (v. Legge 27 dicembre 2001, n. 459).

Si ricorda che l’istanza va presentata utilizzando il modulo di richiesta scaricabile da questa pagina. Non saranno elaborate le richieste presentate scritte a mano o incomplete, e/o senza la documentazione richiesta allegata, pena esclusione dal rimborso.


461