Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Dal 1 gennaio 2023 sarà necessaria l'identità digitale SPID per accedere ai servizi consolari sulla piattaforma FAST IT

Data:

05/11/2022


Dal 1 gennaio 2023 sarà necessaria l'identità digitale SPID per accedere ai servizi consolari sulla piattaforma FAST IT

Gli italiani all’estero che vogliono usufruire di uno dei servizi offerti dalla piattaforma FAST IT (Servizi Consolari Online) possono ancora scegliere se registrarsi ex novo al sito, o - laddove dotati di un'identità SPID - saltare la fase di registrazione e accedere ai servizi cliccando sul tasto "SPID" presente sulla homepage, fornendo le relative credenziali.

Tale possibilità è stata prorogata fino al 31 dicembre 2022. Entro tale data è opportuno che anche tutti i connazionali che vivono all'estero si dotino di SPID o Carta d'identità Elettronica (C.I.E.), che costituiranno successivamente i soli strumenti per l'identificazione e l'accesso in rete.

Anche gli italiani all’estero possono facilmente chiedere un'identità SPID ad uno degli Identity provider segnalati, fornendo un numero di cellulare, un indirizzo di posta elettronica, un documento di identità valido e un documento che certifichi il codice fiscale (tra questi, il certificato prodotto dall'Agenzia delle Entrate contenente il codice fiscale, vidimato dall'Ufficio consolare).
Si ricorda che le procedure per l'ottenimento delle credenziali SPID da parte degli italiani all'estero sono indicate (e costantemente aggiornate) sul sito: https://www.spid.gov.it/domande-frequenti (alla voce "Può avere SPID anche un cittadino italiano residente all'estero?"). Altre informazioni nel documento allegato e sul sito istituzionale del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale all'indirizzo https://www.esteri.it/it/servizi-consolari-e-visti/italiani-all-estero/spid/.
Dotarsi di un'identità SPID consente a tutti gli italiani all'estero di accedere ai servizi on-line offerti, oltre che dalla Farnesina, da più di 4.000 amministrazioni/enti italiani.


314